Connessioni virtuali e connessioni reali: le (meravigliose) sorprese che possono riservare i social networks.

In questa fotografia ci sono due persone: siamo io ed Alessandra M.. Siamo entrambe ad un evento del Fuorisalone (l’inaugurazione dello spazio D’Elite Atelier, in via Manzoni), ci siamo appena conosciute e stiamo facendo due chiacchiere sorseggiando un bicchiere di vino. Fino a qui non ci sarebbe nulla di nuovo e straordinario. Se non fosse…

Continua a leggere

Books Review di Alessandra Appiano: Io, Caterina di Francesca Riario Sforza (Nord).

Poiché la storia è dominata da figure maschili e dalle loro gesta eroiche, le donne che hanno avuto vite avventurose come Frida Kahlo o Simon de Beauvoir sono state trasformate in icone dell’indipendenza femminile. Con l’appassionante e documentatissima biografia romanzata Io Caterina, Francesca Riario Sforza, discendente diretta di Caterina Sforza (Milano 1463, Firenze 1509), ci…

Continua a leggere

Books Review di Alessandra Appiano: Naomi Wood, Quando amavamo Hemingway (Bookme).

Con l’imprevisto exploit di Quando amavamo Hemingway, che in Inghilterra ha venduto sessantamila copie ed è in corso di traduzione in 14 paesi, Naomi Wood, orgogliosa esponente della generazione millennials, è stata catapultata dalla realtà del precariato a quella delle migliori possibilità. Perché tutti editori si contendono la prossima opera di questa scrittrice trentatreenne che…

Continua a leggere

☆Special Guest☆ Floriana Mantovani: Prendere la mira.

Io e la scrittura abbiamo un rapporto molto difficile, la amo da impazzire se devo leggere e la odio da morire se devo scrivere un testo. Ogni volta che mi viene chiesto di scrive qualcosa debbo abbattere un muro, e non sempre ci riesco. Di conseguenza non ho mai partecipato a nessun tipo di corso…

Continua a leggere

Incontri in atelier 2017: programma, calendario e costi.

Incontri in atelier 2017: ecco il calendario con date, argomenti e costi dei nostri appuntamenti. Il programma dettagliato delle giornate di lavoro verrà illustrato nelle singole pagine evento che creeremo e che potrete seguire sul nostro account ufficiale Facebook. Nel frattempo, vi anticipiamo le biografie delle quattro lecturers dei workshops in modo che possiate iniziare…

Continua a leggere

Books Review di Alessandra Appiano: Quando cadono le stelle, Gian Paolo Serino (Baldini e Castoldi).

C’è sempre un lato oscuro del successo. Un prezzo altissimo da pagare alla fama, o alla propria genialità. Il merito del romanzo di Gian Paolo Serino Quando cadono le stelle, è proprio quello di aver messo in risalto l’implosione privata di chi è costretto a brillare di una luce eccessiva, inchiodato alle regole della propria…

Continua a leggere

Se cadi, rialzati. E sorridi. Ce lo insegna Noria Nalli nel suo ultimo libro.

Se siete ancora alla ricerca di un regalo natalizio (perchè, aiuto, mancano meno di 48 ore a Natale) vi consiglio di acquistare l’ultimo libro di Noria Nalli, Avventure semiserie delle mie gambe, Golem Edizioni. E’ il suo secondo libro, del primo (Le stampelle di Cenerentola, Omega Edizioni) ne avevo parlato qui. Giornalista (collabora con diverse…

Continua a leggere

☆ Special Guest ☆ Alessandra Appiano: Natale in famiglia.

Alzi la mano chi non vive con un po’di ansia di prestazione (nei casi peggiori come un vero e proprio incubo) l’avvicinarsi delle feste natalizie, con raduni di famiglia che prevedono parenti di cui si conosce a stento il nome; cene o pranzi interminabili con portate caloriche e indigeste; discorsi noiosi e di circostanza che…

Continua a leggere

Il contagio del Bene: la scuola Penny Wirton.

A Milano il 13 dicembre scorso è stata presentata una nuova sede milanese della scuola Penny Wirton presso il Laboratorio Formentini per l’Editoria in via Formentini 10 (zona Brera), che ospiterà gli studenti in uno dei suoi bellissimi spazi. La scuola (che prende il nome dal piccolo protagonista di un romanzo di Silvio D’Arzo del…

Continua a leggere

Gino Cosentino, il mio maestro.

A chi mi chiede o ha chiesto come mai io, architetto, ho iniziato ad occuparmi di moda ho sempre risposto che uno degli artefici della mia metamorfosi professionale è stato sicuramente lo scultore Gino Cosentino (1916-2005). E’ stato lui, infatti, ad insegnarmi, tra le tante cose, anche l’arte dell’oreficeria. Ed è grazie ai miei “gioielli”…

Continua a leggere