Articoli Recenti

Franz Pinotti: La sconfitta? Una grande occasione per migliorare se stessi.

“Siamo una Scuola di Basket che mira all’eccellenza sportiva. Vogliamo promuovere e sviluppare la pallacanestro nelle scuole, attraverso un’educazione motoria che diventi la base su cui costruire un programma di formazione tecnica, e formare atleti che fondano la propria professionalità sul diventare Uomini e Donne consapevoli dei propri Valori. Insegniamo il linguaggio corporeo come linguaggio […]

Autunno Americano #15

Di tutte le cose a cui ero abituata, quella che mi manca di più è il parrucchiere. Smoothie era l’hairstylist più in di Manhattan, ci andavano tutte, ma proprio tutte, da Madonna a Hillary Clinton. Ci andavo regolarmente anche io una volta alla settimana, avevo il mio posto fisso, una poltrona Frau originale accanto alla […]

Autunno Americano #14

  Aspetto con ansia il mercoledì. E’ il mio giorno dell’acqua, il giorno della piscina. Preparo la mia sacca la sera prima come se fosse la cartella di scuola, controllo con attenzione che ci sia tutto, dal costume alla crema idratante. Non voglio dimenticarmi niente. Quando arrivo al centro sportivo sono felice come una bambina. […]

ITALIANA: la storia meravigliosa del Made in Italy è in mostra a Milano.

Ho visto oggi a Palazzo Reale una mostra straordinaria: “Italiana. L’Italia vista dalla moda 1971-2001” ( a cura di Maria Luisa Frisa, Gabriele Monti e Stefano Tonchi). Una mostra che racconta la ricchezza culturale, imprenditoriale, creativa ed economica del sistema moda italiano negli anni del suo massimo splendore. Un sistema che ha visto il contributo […]

Books Review di Alessandra Appiano: Francesca Segal, L’età ingrata (Bollati Boringhieri).

Che cosa succede quando due adulti, con figli adolescenti, si innamorano come due adolescenti? Succede che la vita prende il colore verde speranza ma che la quotidianità diventa troppo complicata, al limite dell’insostenibile. Nel suo ultimo romanzo L’età ingrata (Bollati Boringhieri) Francesca Segal racconta con garbo, ironia e sensibilità, le gioie e i dolori di […]

Lettera ad una Signora molto elegante ma assai prepotente.

Cara Signora di verde vestita, innanzitutto mi debbo complimentare con Lei per la sua estrema eleganza, quella vera, fatta di tessuti pregiati, taglio impeccabile, linee senza tempo. L’eleganza non urlata, non firmata, apparentemente sottotono e tipica della buona e/o alta borghesia milanese, si sa. Abiti così escono solo dalle sartorie di alta moda, le stesse […]