Books Review di Alessandra Appiano: Simona Sparaco, Sono cose da grandi (Einaudi).

«Sono cose da grandi»: quante volte gli adulti liquidano con questa frase la domanda scomoda di un bambino? Perché di fronte a certi eventi terribili è impossibile trovare le risposte giuste. Così Simona Sparaco, che finora ci ha abituato a storie romantiche e passionali molto amate dal pubblico femminile (Nessuno sa di noi, Se chiudo…

Continua a leggere

Books Review di Alessandra Appiano: Elizabeth Brundage, L’apparenza delle cose (Bollati Boringhieri).

Una scrittura straordinaria, arricchita da citazioni filosofiche e riferimenti artistici, un’atmosfera gotica perfetta per il più inquietante dei mistery: con L’apparenza delle cose (Bollati Bolinghieri) Elisabeth Brundage ci regala un romanzo potente, che tiene con il fiato sospeso fino all’ultima pagina. George Clare è un professore che ha appena ottenuto una cattedra in Storia dell’arte…

Continua a leggere

Hermès dietro le quinte: una lezione da imparare.

E’ davvero molto bella la mostra che la Maison Hermès ha organizzato alla Pelota di Milano. “Hermès dietro le quinte” offre la rara possibilità di osservare all’opera gli artigiani dell’azienda: seduti al loro tavolo, circondati dai loro utensili (spesso più belli dell’oggetto finale prodotto), assistiti da un traduttore spiegano le procedure delle loro lavorazioni e…

Continua a leggere

Books Review di Alessandra Appiano: John Edward Williams, Stoner (Fazi).

Ci sono romanzi che rimangono nell’ombra per anni, e che poi esplodono come casi letterari grazie al passaparola dei lettori, da sempre i migliori esperti di marketing in circolazione, anche se troppo spesso si sottovaluta il loro fiuto. Nel caso di Stoner (Fazi) di John Williams parliamo ormai di un classico, un libro di culto…

Continua a leggere

Books Review di Alessandra Appiano: Donato Carrisi, Il maestro delle ombre (Longanesi).

A un anno di distanza dal bestseller La ragazza nella nebbia, Donato Carrisi arriva in libreria con un altro thriller potente, Il maestro delle ombre, dove ritroviamo i personaggi di Marcus e Sandra, che avevamo già conosciuto ne Il tribunale delle anime (2011) e ne  Il cacciatore del buio (2014). Una storia che parte da un’idea apocalittica:…

Continua a leggere

Books Review di Alessandra Appiano: Io, Caterina di Francesca Riario Sforza (Nord).

Poiché la storia è dominata da figure maschili e dalle loro gesta eroiche, le donne che hanno avuto vite avventurose come Frida Kahlo o Simon de Beauvoir sono state trasformate in icone dell’indipendenza femminile. Con l’appassionante e documentatissima biografia romanzata Io Caterina, Francesca Riario Sforza, discendente diretta di Caterina Sforza (Milano 1463, Firenze 1509), ci…

Continua a leggere

Books Review di Alessandra Appiano: Naomi Wood, Quando amavamo Hemingway (Bookme).

Con l’imprevisto exploit di Quando amavamo Hemingway, che in Inghilterra ha venduto sessantamila copie ed è in corso di traduzione in 14 paesi, Naomi Wood, orgogliosa esponente della generazione millennials, è stata catapultata dalla realtà del precariato a quella delle migliori possibilità. Perché tutti editori si contendono la prossima opera di questa scrittrice trentatreenne che…

Continua a leggere

Il contagio del Bene: la scuola Penny Wirton.

A Milano il 13 dicembre scorso è stata presentata una nuova sede milanese della scuola Penny Wirton presso il Laboratorio Formentini per l’Editoria in via Formentini 10 (zona Brera), che ospiterà gli studenti in uno dei suoi bellissimi spazi. La scuola (che prende il nome dal piccolo protagonista di un romanzo di Silvio D’Arzo del…

Continua a leggere

Gino Cosentino, il mio maestro.

A chi mi chiede o ha chiesto come mai io, architetto, ho iniziato ad occuparmi di moda ho sempre risposto che uno degli artefici della mia metamorfosi professionale è stato sicuramente lo scultore Gino Cosentino (1916-2005). E’ stato lui, infatti, ad insegnarmi, tra le tante cose, anche l’arte dell’oreficeria. Ed è grazie ai miei “gioielli”…

Continua a leggere

Le Troisième Songe: Incontri in atelier.

Il legame tra moda e scrittura è un sottile fil rouge che caratterizza il lavoro stilistico e la produzione  Le Troisième Songe. La storia di una bambina che come per svista diventa stilista diventa infatti un tessuto da indossare: nella collezione “textus” per donna e bambini di Le Troisième Songe il racconto scritto si trasferisce…

Continua a leggere