Broken glass.

bedba6a2c38b1c38ec99c18ab83095b83081555620188010469.jpg

 

C’è un prima. E c’è un dopo.

In mezzo c’è il rumore di un vaso che va in frantumi e quel rumore ci spaventa: non ci eravamo accorti che fosse così delicato.

A volte ci intestardiamo nello sforzo di voler rimettere insieme i pezzi, ma non è possibile.

Raccogliamo schegge di vetro e ci tagliamo le mani. Quel vaso non possiamo aggiustarlo più.

Ma possiamo costruirne un altro, diverso.

– Dobbiamo – costruirne un altro.

Sapendo che nulla sarà più come prima.
Quel prima e quel dopo, però, aprono il campo alla possibilità: di cambiare, di crescere, di conoscere, di comprendere.

E di abbandonare ciò che va abbandonato, di chiudere ciò che va chiuso, di lasciare chi va lasciato. Salpare.

Scelgo questa possibilità.

 

 

Maria Cristina

Annunci